Descrizione immagine


Anadara kagoshimensis (Tokunaga, 1906)

Nomi locali: nessuno

Distribuzione: specie ad ampia distribuzione nell’Indo-Pacifico, arrivata per trasporto antropico in Adriatico intorno al 1970. Al momento non sembra essersi diffusa fuori dall’Adriatico.

Habitat: predilige i fondi sabbiosi e fangosi tra 0 e circa 20 m di profondità.  Vive in acque salate e salmastre.

Metodi di pesca: in Adriatico non si pesca a scopo commerciale, ma costituisce una componente tanto importante quanto indesiderata del pescato delle draghe idrauliche e non, aumentando quindi lo sforzo di pesca e riducendo la cattura delle specie commerciali.

Frequenza: Localmente infestante, ma col tempo meno abbondante.

Caratteristiche organolettiche: il mollusco è coriaceo e tagliato rilascia un liquido rossastro. Mangiato cotto ha un sapore molto forte.

Specie surrogata:

Non sostituisce nessuna delle specie locali.

Curiosità:

Questa specie, che ha raggiunto in passato picchi altissimi di frequenza, riempiendo le spiagge, nonché gli attrezzi da pesca, sembra in regressione.

E’ stato ipotizzato un suo utilizzo a scopi alimentari, tagliando i molluschi in piccoli pezzi per esaltare il sapore dei miscugli “di mare”. Non dimentichiamo che alcune sedicenti “polpa di granchio” non contengono assolutamente carne di granchio, ma sono un passato di pesci di scarsa qualità e molluschi.

Inserire foto