HOME

               MUSEO SCIENZE                              NATURALI

       NUMISMATICA

                   FILATELIA                          CARTOFILIA

CIRCOLO

CULTURALE

CASTELLANI

Descrizione immagine

Nei primi anni '60 del secolo scorso un gruppo di collezionisti fanesi pensò di condividere i comuni interessi istituendo il Circolo Filatelico Numismatico cittadino, intitolandolo a Giuseppe Castellani, insigne numismatico e storico locale. Alcuni di questi non ci sono più, altri invece continuano tuttora a collaborare con entusiasmo alla vita di una associazione che trasforma il collezionismo in opportunità di conoscenza, indagando gli aspetti storici e culturali che gli oggetti rappresentano.Seppur nato originariamente come associazione filatelico-numismatica, il Circolo si è col tempo proposto come polo di aggregazione di diverse tipologie di collezionismo, come la mineralogia e la paleontologia, l'archeologia, gli antichi santini da collezione. Fra le iniziative del Circolo Castellani ricordiamo le innumerevoli mostre filateliche succedutesi negli anni, l'edizione di un libro sulle monete emesse dalla zecca di Fano, il convegno commerciale filatelico-numismatico che si tiene annualmente in luglio, e la prestigiosa mostra  di antichi santini intitolata  "il figlio dell'uomo" tenutasi nel 2012. Nel corso degli anni è costituita una ricchissima biblioteca, numismatica e non solo, a disposizione di studiosi e interessati. Tante sono state le sedi del Circolo che purtroppo però non hanno mai consentito una decorosa esposizione del suo patrimonio più importante, vale a dire la collezione paleontologica e mineralogica frutto di donazioni di collezionisti, l'importanza della quale traspare dal vincolo ad essa imposto dalla Sovrintendenza ai Beni Culturali. Un patrimonio scientifico di tale interesse meritava di essere reso disponibile alla Città ed ora, grazie alla Fondazione della Cassa di Risparmio di Fano, si è finalmente presentata l'occasione di realizzare questo obiettivo nella nuova e definitiva sede di  corso Matteotti.