Il Museo di Scienze Naturali della Fondazione della Cassa di Risparmio di Fano

ORARIO MUSEO:  SABATO ore 15 - 17,30

                                DOMENICA: ore 10 - 12

il nucleo  originario  del  museo  è  costituito  dalla raccolta  di fossili  e minerali del Circolo Culturale Castellani, frutto di donazioni  risalenti agli anni ’70 di alcuni soci del  Circolo stesso, in  particolare di  Elso Magini, che  aveva  messo  insieme  una considerevole collezione di fossili che percorreva la storia dell’evoluzione della vita sulla Terra sin dalle  primissime  origini. Tale raccolta era già stata presentata  alla cittadinanza,  e  in   particolare  alle  scuole,  nella  vecchia  sede  di  Via   Vitruvio, riscuotendo  un notevole gradimento  da   parte dei  visitatori,  pur nella limitatezza degli  spazi  disponibili.  Quando  la  Fondazione  della Cassa di Risparmio di Fano acquisì  la proprietà di Palazzo  Bracci,  si  prospettò  l’opportunità  di  rendere  più razionale  e gradevole lo spazio espositivo delle raccolte del Castellani, dedicando loro  parte  dello  storico palazzo, che grazie  alla  ubicazione nell’area più centrale della  Città si  prestava  perfettamente  a  costituire un polo museale ed espositivo. Man  mano che si allestiva l’esposizione  ci si rendeva  conto che stava prendendo corpo qualcosa  di   notevole.  Nuovo materiale arrivava  continuamente , frutto  di donazioni  di  concittadini  che  intendevano  rendere  disponibile  alla collettività il materiale  che  avevano  collezionato  per  l’intera  vita o  che  avevano  ereditato. Lo spazio non bastava mai:  nuove vetrine espositive, nuove stanze a disposizione fino ad occupare l’intero ultimo piano.  Ha preso  corpo un piccolo museo con oltre 50  vetrine, supportato  da  un  inventario informatico  che contiene le  immagini in  alta  definizione  degli  oggetti  che  vengono  ora   pubblicare sul sito  internet del Circolo Castellani. Tutto questo ha  richiesto centinaia  e centinaia di ore di lavoro volontario  da   parte  di  alcuni   Soci  del  Circolo  Castellani  con  conpetenze  in materia, con la collaborazione e  consulenza  di esperti  esterni  fra cui un docente universitario di paleontologia. Sono stati catalogati ed  in  gran  parte esposti oltre 5.000  fossili  e  un  migliaio  di  minerali. I  fossili provenienti dal nostro appennino (parliamo di reperti che   risalgono  a   oltre  200  milioni   di   anni  fa)    sono   di   grande   qualità     e   conservazione;  attireranno    certamente  l’interesse  della comunità di appassionati  e studiosi. 


 

Descrizione immagine

COSA TROVERETE NEL MUSEO 

 - Una sezione  didattica che ripercorre la storia dell’evoluzione della vita sulla Terra, con reperti provenienti da tutte le aree geografiche.   Un reparto specialistico di grande qualità con  quella che era la fauna del nostro mare (ammoniti  e pesci ). E poi fossili di piante, granchi, denti di elefante europeo, enormi denti di squali, orme di dinosauri della Toscana, e tanto altro. E poi fossili di conchiglie delle nostre zone  delle stesse  specie  che ora popolano i mari tropicali, ad evidenziare i cambiamenti climatici avvenuti nelle ere geologiche. 

-  quarzi incredibilmente grandi e luminosi, centinaia di minerali di tutti i tipi e di tutto il mondo, valorizzati dalla illuminazione delle vetrine espositive.